Limited edition - WOMEN IN NONDESCRIPT LANDSCAPE

 

  • women 01.jpg
  • women 08.jpg
  • women 56.jpg
  • women 24.jpg
  • women 44.jpg
  • women 12.jpg
  • women 37.jpg


Women in nondescript landscape

Book – Copia unica



 

Le immagini sono realizzate su pellicola negativa 4x5”  e stampate dall’autore su carta fotografica Ilford Hanemüle MG ART 300 vari formati.

Per questo libro d'artista è stato utilizzato un album  fotografico degli anni trenta nel formato chiuso di cm 35x40 della EMIL JAGERT Geschäfts und Musterbücher Fabrick N° 6640

Questo libro d'artista contiene:

49 foto vari formati

6 negative film 4x5" FP4

14 disegni cm 10x7

32 testi su carta originale dell'album cm 10x7

Ogni foto è segnata sul retro  con titolo, edizione, anno di produzione, tipo di carta fotografica utilizzata per la stampa, formato e firma dell’autore. 

Maggio 2016

Questo libro d’artista è copia unica

Messages will be returned within 24 hours of receipt.

Cofanetto – Book

€ 7.500,00

Include tasse e spese di spedizione solo in Italia.

Free shipping to Italy. If you would like to know about international shipping costs,

please email to:

Paesaggi intimi, Multiverso, Silenzi, Still, Women in nondescript landscape sono i luoghi più recenti dell’itinerario di Attilio Scimone dentro il silenzio e lo spazio.

Passi e cammino rimasti fedeli alla materia e luce che fa da titolo alle ricerche svolte tra il 1990 e il 2010. Nelle immagini di quegli anni la luce si raggrumava dentro la materia

che era stata viva, pur se umilissima. Erano infatti erbacce di campo che trasumanavano e trasfiguravano nel tocco del fotografo che dava loro forma, profondità, sostanza.

Poi però lo spazio si è spalancato e le spine dei campi sono diventate i graffi dell’artista sulla materia fotografica. Sentieri, onde, terre, piante, grano vengono accomunati

dal tocco della dissoluzione. È soltanto questione di tempo. Tempo del quale Scimone dice che è "un cerchio che finisce" ma che nella circonferenza di questo suo stare,

sorgere e finire raccoglie figure femminili dentro l’aria, umani accompagnati dalle cose, silenzi di pietra e architetture di suoni, muri edificati dalla storia e colline plasmate dalle sere.

Tra le erbe, i silenzi, i graffi e le onde si staglia finalmente la bellezza. La bellezza per antonomasia, la bellezza paradigma, la bellezza che ci turba, ci avvolge, ci vince e fa felici.

La bellezza della donna. Multiverso le raccoglie, queste donne. Le raccoglie mentre sinuose avanzano coi tacchi dentro il grano o elegantissime sembrano supplicare

la loro stessa pacata gloria. Le raccoglie mentre posano distanti dallo sguardo e dal desiderio del fotografo e mentre avvolte nel nero arcaico di Sicilia si accingono

a riempire di sé i luoghi, la pellicola, le voglie, la memoria. La memoria, il tempo perduto, la sua rimemorazione data dagli eventi apparentemente più banali,

da quelle che Proust ha chiamato les intermittences du coeur, gli intervalli della mente tra gli istanti, nei quali la potenza dei fatti e delle cose sembra rifiorire intatta come è stata.

C’è non poco di proustiano nel fotografare di Scimone. Perché Proust - come tutti nella sua epoca - viveva immerso nel bianco e nero.

Per quanto oggi ci sembri singolare, infatti, ancora nei primi decenni del Novecento tutte le riproduzioni artistiche erano monocromatiche.

La maggior parte dei quadri descritti da Proust e discussi dentro il suo romanzo lo scrittore li vide riprodotti in immagini fatte di bianco e di nero.

Ma è stata anche questa difficoltà nel vedere il colore a rendere possibile il particolarissimo modo in cui Proust parla dei pittori e la continua creazione di colori di cui si compone la Recherche. Il bianco e nero diventa infatti la memoria che crea il mondo, il suo derularsi, diventa gli spazi, gli umani. Lo stesso accade in Scimone.

Ma la differenza c’è. Ed è profonda, è grande. Scimone non guarda quadri, non vive nella luce rarefatta di Parigi e dell’Europa più distante.

Scimone immagina la luce del Sud, delle sue pietre, del suo spazio asciutto, inaridito, secco. Le sue fotografie assorbono la disperazione mistica e

felice delle terre infuocate da millenni di Sole, abitate dal lutto e dalla gloria, viventi nella servitù e incoercibili nell’anarchia. La natura che l’artista rende viva è fatta

di disordine e di necessità, del giallo di campi riarsi e di un cielo senza pace, di quell’implacabile turchese che il suo stile ci restituisce fatto grigio e quindi ancora più bruciato.

Il movimento e lo stare degli umani sono intrisi nelle sue immagini di una solitudine senza salvezza, di una diffidenza senza futuro, di una solidarietà monadica che ignora la communitas.

La forma di questo artista sobrio e però spietato è intramata dell’ironia che sta al fondo della morte e che nell’ultimo tratto della propria fatica si piega lentamente

verso il sonno invocando ancora una volta la Madre. Perché è chiaro che le donne di Scimone sono la Madre quando ancora non era tale, quando costituiva

il sogno erotico e silente della terra, quando era ‘signorina’ e già con questo solo nome scatenava il desiderio. Donne vestite di nero. Donne antiche pur nella loro giovinezza.

Donne potenti nella loro distanza. In queste femmine, in queste spine, in questi sentieri, in questi graffi in questi arbusti, in questi soli,

la vita è la tenebra che rende possibile ogni luce, l’esistenza è un arrendersi che non conosce sconfitta.


Alberto Giovanni Biuso, 2018

  • women 01.jpg
  • women 08.jpg
  • women 56.jpg
  • women 24.jpg
  • women 44.jpg
  • women 12.jpg
  • women 37.jpg