Esatto e d'argento 2021

 


Esatto e d'argento, 2021

Cofanetto – Edition of 6

Photo Edition of 10


Il cofanetto contiene la serie completa di 10 fotografie montate

su cartoncino acid free da 3 mm


Hahnemühle Photo Rag 308

 

Le stampe sono firmate, datate e numerate da Attilio Scimone

Ogni stampa è accompaganta da certificato di autenticità

The prints are signed, dated and numbered by Attilio Scimone

Certificates of authenticity are provided with each print

Messages will be returned within 24 hours of receipt.

Cofanetto – 10 stampe 24x30 cm

€ 1.900,00

Include tasse e spese di spedizione solo in Italia.

Free shipping to Italy. If you would like to know about international shipping costs,

please email to:

...

Compiendo pochissimi chilometri, raggiungo per fortuna il solo spettacolo al mondo degno di avere dei fruitori: il mare di cui ho finora scritto. E non un mare qualsiasi, bensì il Mediterraneo, ovvero un pezzo di storia (brutta storia) della civiltà umana. La sua visione mi ha sempre restituito l'affanno della distanza, uno spazio non frequentato, agognato, il luogo perfetto per una solitudine azzurra e limpida, profonda e ignara.

Ebbene, quando ho visto la serie fotografica che Attilio Scimone ha dedicato al mare, una serie colma di quella deliziosa intensità che, nella cultura umana, solo le poesie composte da pochi versi riescono a secernere, ho avuto l'illusione che dagli scatti s'innalzasse un non so che di... "esatto", come canta Sylvia Plath:

«Sono esatto e d'argento, privo di preconcetti.

Qualunque cosa io veda subito l'inghiottisco

tale e quale senza ombra di amore o disgusto.

Io non sono crudele, ma soltanto veritiero—

quadrangolare occhio di un piccolo iddio.

Il più del tempo rifletto sulla parte di fronte.

È rosa, machiettata. Ormai da tanto la guardo che la sento

un pezzo del mio cuore. Ma lei c'è e non c'è.

Visi e oscurità continuamente ci separano.

Adesso io sono un lago. Su me si china una donna

cercando in me di scoprire quella che lei è realmente.

Poi a quelle bugiarde si volta: alle candele o alla luna.

Io vedo la sua schiena la rifletto fedelmente.

Me ne ripaga con lacrime e un agitare di mani.

Sono importante per lei. Anche lei viene e va.

Ogni mattina il suo viso si alterna all'oscurità.

In me lei ha annegato una ragazza, da me gli sorge incontro

giorno dopo giorno una vecchia, pesce mostruoso»

 

Dario Orphée La Mendola, 2021